L'autre chose

L'autre chose Galleria

L'autre chose nasce nel 1987 dal genio creativo di Alfredo Beccaccini, una figura già estremamente nota per la sua precedente attività nel settore calzaturiero. Nel corso dell’anno successivo, al fondatore si affianca Michela Casadei, che si inserisce nel processo di ideazione dando luogo ad una serie di modelli che esprimono al meglio la cifra stilistica del brand, con veri e propri capolavori di design che sono resi pressoché inimitabili da un tocco di fascino di derivazione francese. I modelli presentati sono distinti dalla lavorazione artigianale, da un design spesso spettacolare e dalla estrema attenzione nella scelta dei materiali, inserendosi in tal modo nella più ampia corrente di quel Made in Italy che nel settore in questione, non teme praticamente confronti.

Le caratteristiche del marchio L'autre chose

Le caratteristiche del marchio L'autre chose

L'autre chose negli anni intercorsi dalla sua nascita, ha saputo procacciarsi grandi consensi tra addetti ai lavori ed appassionati, oltre che fette consistenti di mercato, grazie ad una serie di caratteristiche che ne fanno un vero e proprio caso nel panorama della scarpa tricolore. Il brand, infatti, riesce ad elaborare i suoi modelli dando connotati del tutto unici al lusso e al design tradizionale, sfociando in una serie di collezioni che hanno fatto spesso gridare al capolavoro. Naturalmente, i tratti distintivi del Made in Italy ci sono tutti, con una attenzione maniacale al dettaglio chic in grado di regalare personalità alla scarpa, l’adozione di materiali di grande pregio come pelle di struzzo, pitone e coccodrillo e una lavorazione artigianale che prevede un serrato numero di controlli per verificare la qualità di ogni singola calzatura. La griffe propone scarpe romantiche dotate di punta arrotondata, modelli con inserti in pelliccia capaci di sedurre al primo sguardo e altri con frange che regalano un effetto scenico eccezionale. Le scarpe sono decorate da disegni geometrici e da fantasie variopinte lungo tutta la superficie della scarpa, mentre i tacchi sono prodotti con pelle, stoffa e legno. A zeppe e platform colorati si affiancano, sandali, decolleté e stivali con le catenelle metalliche longitudinali, suggestivi ricami e pietre preziose, dando luogo ad un catalogo vario e capace di regalare grande emozione agli amanti della scarpa italiana. Il tutto grazie anche a collaborazioni con pezzi da novanta del panorama internazionale, come Martin Margiela, Alexander Mc Queen, Sartore e Max Mara, che hanno consolidato la fama del gruppo.

L'autre chose, il sito e dove trovare occasioni online

Tra coloro che hanno deciso di avvalersi delle possibilità offerte dalle tecnologie informatiche c’è anche L'autre chose, che ha varato il proprio sito istituzionale nel quale si possono trovare notizie sulla storia del brand e sulla filosofia stilistica, le news riguardanti la vita aziendale, i comunicati stampa emessi, i punti dove vengono offerti i modelli del marchio, il catalogo ed altro. Caratterizzato da una grafica discreta e non invadente, il suo punto di forza è la estrema facilità di navigazione, resa molto intuitiva e non appesantita da orpelli di carattere grafico che di solito stancano il visitatore inducendolo alla ritirata.

Le scarpe L'autre chose possono essere acquistate anche online, presso alcuni dei più noti rivenditori del settore. Yoox offre infradito a 35 euro rispetto ai 44 del listino, sandali con plateau a 175 euro, rispetto ai 250 canonici, zeppe a 138 euro, rispetto ai 195 originari e mocassini con tacco a 182 euro, rispetto ai 250 del listino ufficiale. Zalando offre a sua volta il sandalo in blu Malabar Sport, a 153,95 euro, rispetto ai 280 del listino, il decolletè in rosso a 151,95, rispetto agli originari 275, ballerine in nero a 320 euro, lo stivale Kid in nero, a 365 euro e molti altri modelli di pregio. Infine Amazon, che rilascia un vasto catalogo del brand tra cui sandali, scarpe con tacco, ballerine e stivaletti, tutti largamente scontati.

Negozi che ti piaceranno
  • Nero
  • Yoox
Altri articoli simili
Discussione
blog comments powered by Disqus
Gli altri utenti stanno leggendo