Gonne lunghe

Gonne lunghe Galleria

Le gonne lunghe: in un momento di minigonne sempre più corte, queste gonne sembrano essere quasi trasgressive.
Ma andiamo per gradi: come siamo arrivati dalle gonne fino alle caviglie alle minigonne, e dove siamo adesso?

In passato, era considerato sconveniente per le donne mostrare le gambe. Le gambe erano infatti considerate una parte intima del corpo. Nessuna sorpresa quindi se venivano di fatto anche coperte dall'intimo: alcuni antichi modelli di “slip” arrivavano appunto fino alle caviglie.

Trova quella giusta per te

Era il tempo in cui le gonne erano lunghe e molto, molto larghe. Allora la moda imponeva anche di utilizzare un rinforzo da posizionare sulla parte posteriore della gonna stessa, in modo da creare un effetto ottico che facesse sembrare i fianchi più larghi.

Con il tempo le gonne hanno cominciato ad accorciarsi, per comodità e per cambiamento dello stile di vita. La fine delle corti fastose e della vita da nobile settecentesco hanno segnato anche la fine delle gonne lunghe intese in questo senso.
All'inizio si accorciano per riflesso naturale; poi entra in gioco qualcosa di diverso. Il femminismo. Il movimento femminista si impadrona dell'immagine della donna e lotta per le libertà individuali e di scelta di ciascuna. Per questo, una delle prime azioni che intraprende riguarda il modo di esprimere sé stesse attraverso l'abbigliamento. Non si passa direttamente dalle gonne lunghe alla minigonna, ma i semi che portano alla nascita della mini erano già nelle intenzioni delle prime femministe.

Per anni queste gonne sono state quindi relegate alle meno moderne, considerate “da vecchie”.
Oggi, dopo decenni di assenza, tornano invece prepotentemente nei nostri armadi.
Dopo tutto questo tempo hanno assunto una freschezza nuova, e sono tornate adatte alle più giovani come alle meno giovani.

Tra le prime a tornare, le gonne etniche. Si tratta di gonne dalla stoffa molto morbida, di solito di cotone, lino o misti sintetici. Molto colorate e di solito divise in sezioni orizzontali, le gonne etniche si abbinano ad uno stile, lo stile etnico appunto, che si lascia portare soprattutto dalle giovanissime, sta bene però anche su quelle meno giovani.

Poi ci sono gonne dal taglio più classico, dalla linea dritta che segue le curve o che viaggia perpendicolare verso il suolo. Anche queste si lasciano portare dalle ragazze come dalle più grandi, con effetti finali diversi a seconda degli abbinamenti.

Esistono versioni estive, adatte appunto alla bella stagione, e altre invernali, fatte di stoffe più pesanti come il velluto o la lana.

Nella foto qui sopra, tre gonne de La Redoute. Diversissime per stile, colore e tessuto e con altrettanto diversi effetti finali, sono un'ottima dimostrazione che spiega più delle parole come le gonne lunghe possano essere moderne, ironiche e addirittura sexy.

Negozi che ti piaceranno
  • La Redoute
Altri articoli simili
Discussione
blog comments powered by Disqus
Gli altri utenti stanno leggendo