Vita da cani 2.0

Vita da cani 2.0 Galleria

Un tempo la vita da cane era sinonimo di sofferenze e solitudine. In alcune regioni italiane, quando veramente non si ha nessuno su cui contare, si usa dire "sto solo come un cane". Oggi bisognerebbe aggiornare il proprio dizionario. I nostri animali domestici, non solo hanno acquisito molti più diritti grazie alle associazioni animaliste, ma cominciano a sfruttare anche i social network. Mark Zuckerberg, il famosissimo inventore di Facebook, ha creato il profilo al suo cagnolino, chiamato Beast. In realtà Beast è un simpatico barboncino, che di bestia non ha proprio niente, anzi è molto socievole visto che già può contare su un numero considerevole di amici: più di 42.000 amici. Decisamente più amici della media di noi umani!



Il web 2.0 mette in contatto tutti gli amici a quattro zampe non solo su Facebook, ma cani e gatti adesso hanno un loro social network dove sono assolutamente vietati i bipedi! Petsbook. Resta da comprendere come possano comunicare tra di loro, ma noi umani non siamo mai riusciti a comprendere i nostri fedeli amici al 100%. Chissà che quando noi andiamo a letto, il nostro fido cagnolino non accenda il pc o utilizzi il nostro iphone per mandare messaggi d'amore alla cagnolina vista nel parco. Una bella storia d'amore, stile Lilli e il Vagabondo ma 2.0.

Altri articoli simili
Discussione
blog comments powered by Disqus
Gli altri utenti stanno leggendo