Riviste di moda. Scopri qui le migliori riviste di moda italiane.

Le prime piviste di moda, in Italia, sono arrivate alla fine del Settecento, quando si verificò l’iniziale diffusione della moda nei settori medi ed alti della società milanese. I primi esperimenti in tal senso furono il “Giornale delle nuove mode di Francia e d'Inghilterra” e “La donna elegante ed erudita”, ove erano frequenti bozzetti e brevi articoli che richiamavano le tendenze in atto nelle capitali europee più importanti. Nel 1804, nacque poi il “Corriere delle dame”, dalla fervida mente di Caterina Lattanzi, che spaziava anche su tematiche politiche, culturali e legate alla attualità.
Fu una vera rivoluzione per l’epoca e per il perbenismo che la caratterizzava, poiché la rivista assunse subito un tono spiccatamente filo-rivoluzionario, che vide la rivista schierarsi apertamente dalla parte di Napoleone. Una rivoluzione che ha riverberato a lungo i suoi frutti, sul giornalismo di moda italiano.

Riviste di moda in Italia: le migliori

Riviste di moda in Italia: le migliori


Riviste di moda, nel nostro paese sono una realtà consolidata, anche grazie alla enorme rilevanza del settore in un paese come il nostro che può vantare nomi e aziende che ogni anno collezionano volumi di vendita imponenti e perpetuano la grande tradizione del Made in Italy. Tante le riviste di rilievo, a partire da Vogue Italia, la più autorevole in assoluto. Varata nel 1950 è la più venduta in assoluto e vanta una reputazione inattaccabile di serietà, frutto di collaborazioni prestigiose con firme celebri e fotografi noti in campo mondiale.
Anche Vanity Fair, nota rivista di moda, può vantare una grande tradizione, che data dal 1913, anno nel quale la rivista ha visto la luce. Edita da Condè Nast, è una delle più celebri al mondo e nella sua storia può vantare la collaborazione di nomi di primo piano della letteratura come Aldous Huxley, Gertrude Stein, T.S. Eliot e Thomas Wolfe. Dopo essere stata assorbita da Vogue, nel corso degli anni ’30, ha saputo nuovamente affrancarsi e tornare agli antichi splendori, grazie ad una politica editoriale che privilegia raffinatezza sia in termini grafici che di contenuti.
Altro nome di spicco nel panorama nazionale, è Marie Claire, edita da HMC Italia, che parte da temi leggeri per poi affrontare anche tematiche più impegnative. Nata come rivista di moda, ha spostato con il tempo la sua attenzione anche su attualità, sport e altri temi che ne hanno diversificato la linea editoriale, sempre con successo, tanto da portare al varo di un allegato, Marie Claire Maison, dedicato alla casa, nel quale vengono mostrate le dimore di divi e altre personalità famose.

Riviste di moda, le altre

Riviste di moda, le altre



Riviste di moda, oltre alle corazzate già elencate, il panorama editoriale italiano del comparto vede altre pubblicazioni di notevole interesse. A partire da GQ: mensile edito da Condé Nast che si dedica soprattutto a tematiche riguardanti la fashion, sia dal punto di vista femminile, che maschile. Altra rivista di buon livello è Diva e Donna, dedicata al mondo femminile ed ai gossip ed edita da Cairo Editore. Diretta da Silvana Giacobini è nata come vera e propria risposta a Vanity Fair, con in più una attenzione al gossip fatto in modo da adeguare la tematica ad un pubblico di target medio alto. Da un punto di vista prettamente editoriale, si tratta di una rivista abbastanza spettacolarizzata e forse meno autorevole di altre, ma la politica editoriale è esplicitamente rivolta ad un pubblico il più vasto possibile e ad esso adeguata. Infine, Glamour, anch’esso edito da Condè Nast, che spazia dalla moda alla salute, ma sempre con un occhio di riguardo per la platea femminile. Fondata negli USA come Glamour of Hollywood, è oggi distribuita in molte nazioni, con cadenza mensile, facendo della versatilità la sua cifra editoriale.

Foto: magxone.com, fashioncopious.typepad.com

 

Altri articoli simili
Discussione
blog comments powered by Disqus
Gli altri utenti stanno leggendo
Prodotti scelti dagli altri utenti
Ver todos en Moda ›