Runway to Win: da Vogue per Barack Obama

Runway to Win: da Vogue per Barack Obama Galleria

Chi ha detto che la moda e la politica sono poi così diverse?
Prendete la direttrice di Vogue – la 69esima donna più potente del mondo Anna Wintour; aggiungete quello che sarebbe il primo uomo più potente al mondo, Barack Obama, e ponete tra i due le prossime elezioni statunitensi.

Il collante che regge in piedi questo strano trio e che unisce per una volta moda e politica è una potente, innovativa iniziativa proposta appunto dalla direttrice di Vogue Anna Wintour a sostegno della prossima campagna elettorale di Obama.

Anna Wintour è l'alter ego reale di Miranda Priestly nel celeberrimo film Il diavolo veste Prada, personaggio interpretato magistralmente da Meryl Streep. Si dice che il carattere di Miranda Priestly nel film ricalchi molto da vicino la vera personalità di Anna Wintour; anche per questo a Vogue e dintorni è conosciuta anche come severa giudice della moda.

Fatto sta che, da qualche parte tra politica e moda, è nato un nuovo progetto: una serie ad edizione limitata di creazioni esclusive proposte da tanti tra i maggiori designer del momento, che sarà destinata a supportare la campagna elettorale per la rielezione di Barack Obama.

Tra gli artisti che partecipano all'iniziativa, Marc Jacobs, Alexander Wang, Narciso Rodriguez. In tutto 22 designer tra i migliori del fashion Made in the USA, per un'iniziativa chiamata “Runway to win” destinata a finanziare le iniziative preelettorali.

La collezione completa in edizione limitata verrà presentate il 7 febbraio e saranno disponibili online, ma i prodotti della collezione Obama Runway to win sono già disponibili per la prenotazione online sul sito ufficiale.

Cosa ne pensate? Moda e politica possono stare insieme?

Foto: Runway to win

Altri articoli simili
Discussione
blog comments powered by Disqus
Gli altri utenti stanno leggendo